Scegli la lingua

News e aggiornamenti

Potete richiedere direttamente a me una copia con dedica di "Oltre l'evidenza - racconti di vita gay" contattandomi all'email raccontidivitagay@hotmail.it Oppure compralo su IBS

Compra su Amazon l'edizione 2014 di "Io: nella gioia e nel dolore - Diario di un ragazzo in crescita"

Italian Gay Blogger Award '14 - Le interviste ai vincitori: Gayburg, JHP, Il mondo espanso dei romanzi gay, Centochilidicaos


mercoledì 26 novembre 2014

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Fonte: Rapporto Eures sul femminicidio in Italia 2013; youtube
Da poco si è conclusa la giornata nazionale contro la violenza sulle donne e sapete che Il mio mondo espanso per tutta la settimana dedicherà post dedicati al tema, mostrandovi dei cortometraggi. Prima di lasciarvi Un’altra storia, prodotto da Rai cinema e la Fondazione Doppia Difesa, leggete gli ultimi dati pubblicati dal rapporto Eures sul femminicidio in Italia nel 2013 per renderci conto della situazione attuale. 

Restare indifferenti non è più possibile.

179 donne sono state uccise nel 2013, 22 in più rispetto al 2012 e pensate che di questi.
Nello specifico:
122/179 donne sono state uccise all’interno dell’ambito famigliare/affettivo.
23/179 sono le madri uccise.

Fino al 2013 la maggior parte dei femminicidi è avvenuta principalmente al Nord, ma, adesso, anche al Sud i casi sono aumentati.

Gli ultimi dati indicano che:
75/179 sono le vittime che risedevano al Nord
44/179 sono le vittime che risedevano al Centro
60/179 sono le vittime  che risedevano al Sud

Concludendo:
7/10 avvengono in famiglia
Rispetto al 2012 c’è stato un aumento del 14% che diventa il 16,2%  nell’ambito affettivo.
Dal 2010 a oggi i casi di matricidio sono stati 215: 91,7% per opera di figli maschi e 8,3% per opera di figlie femmine.

Lo trovi qui

lunedì 24 novembre 2014

Fermiamo la violenza sulle donne: Anime brutali

Mercoledì sarà la giornata nazionale contro la violenza sulle donne,  Il mio mondo espanso dedicherà a questo spinoso tema tutta la settimana con tre cortometraggi. Un tema che non può lasciare indifferenti nessuno, perché tutti, etero e gay, non possiamo fare a meno delle donne e quindi dobbiamo fermare queste violenze.

Lo trovi qui

venerdì 21 novembre 2014

Scuola e omosessualità

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani

Visti gli ultimi avvenimenti che riguardano la scuola e l'omosessualità (vedi qua) ho pensato di riproporvi il post Scuola e omosessualità con annesso video dell'intervento a Shortbus, giusto per ribadire che cosa succede ancora oggi nelle scuole... 

La scuola come sappiamo risulta essere un luogo fondamentale per tutti noi, non solo perché ci prepara ad affrontare la vita insegnandoci qualcosa, ma perché è il luogo dove tutti noi da adolescenti passiamo la maggior parte delle nostre giornate. Tuttavia c’è da chiedersi come è per un ragazzo gay la vita al suo interno? 

Lo trovi qui

mercoledì 19 novembre 2014

Da Colin Farell a Lady Gaga: tutti i V.I.P. che sostengono la causa LGBTQ

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani

Realizzazione grafica: GiovanniTrapani
Troppo spesso si riportano le voci di coloro che sono contro le unioni gay, le adozioni e tutto ciò che gravita nell’universo LGBTQ. Io stesso con la rubrica Dite la vostra a… lo faccio, ma, oggi, voglio farvi leggere alcune dichiarazioni di personaggi noti che non solo sono a sostegno della questione omosessuale, ma ci mettono la faccia per  dire che bisogna cambiare lo stato delle cose. Mentre in Italia i personaggi che sono stati definiti icone ritrattano il loro sostegno ai gay, lasciando combattere i sindaci, nel resto del mondo attori e cantanti non hanno paura di offendere nessuno nel sostenere che nell’amore gay e nel suo riconoscimento ci sia qualcosa di sbagliato.

Lo trovi qui

lunedì 17 novembre 2014

Dite la vostra a... Gabriele Toccafondi

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Fonte: Gayburg
Torna nella sua veste classica la rubrica che vi da la possibilità di dire cosa ne pensate dei vari personaggi che ogni tanto amano arrivare alla ribalta per le loro dichiarazioni omofobe. 
Protagonista di oggi non poteva non arrivare a livelli così bassi dato il cognome, sto parlando del sottosegretario all'istruzione, Gabriele Toccafondi (NCD) che, tramite una lettera a Il tempo, ha voluto rendere noto a tutti il suo concetto di scuola.

Lo trovi qui

venerdì 14 novembre 2014

Un mondo di musica: Le hit auturnali 2 Parte

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Secondo e ultimo appuntamento con la musica che in questi mesi accompagnale nostre giornate autunnali. Ce n’è per tutti i gusti: dal trash al soft, dalle canzoni lente a quelle muovi il culo. Vediamole e ascoltiamone alcune per capire che aria tira sui mercati discografici.

Lo trovi qui

mercoledì 12 novembre 2014

Furto d’identità

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Un giorno ti svegli e trovi nella tua posta messaggi di amici che ti comunicano di aver visitato il tuo profilo su un sito d’incontri o che non sapevano che il tuo nome fosse un nome fittizio è che in realtà ti chiami diversamente. Leggi i messaggi e ti chiedi se siano impazziti o se ti prendano in giro, ma poi  capisci che ti hanno rubato l’identità. Ebbene sì, nell’era della comunicazione digitale capita anche questo, ed è successo anche a me. Per due volte.

Lo trovi qui

lunedì 10 novembre 2014

A Verona vietato parlare di omosessualità a scuola. I commenti di Sara Kay e Marco Consiglio

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Nell’immenso universo della scuola, loabbiamo visto in queste settimane, capita davvero di tutto, anche che un consiglio comunale vieti che al suo interno si parli liberamente di omosessualità. Avete capito benissimo, da qualche giorno, infatti, a Verona è vietato discutere di tematiche lgbt per via di una mozione sostenuta da Alberto Zeger, consigliere della Lista Tosi.

Lo trovi qui

venerdì 7 novembre 2014

Un mondo di musica: Le hit auturnali

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
La musica non si ferma mai e i cantanti ci regalano un singolo per ogni stagione. Oggi voglio mostrarvi e farvi ascoltare i brani che nelle ultime settimane stanno impazzando nelle radio e nelle tv musicali.


mercoledì 5 novembre 2014

Mai più lezione sotto al crocifisso - Intervista a Davide Zotti

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
In questi giorni vi ho parlato di quel professore di religione che, a lezione, ha detto ai suoiragazzi che si può guarire dall’omosessualità (falso, essere gay non è una malattia e quindi non c’è una cura. Diffidate da chi ve lo lascia credere) e ho intervistato Daniele Baldoni, l’insegnante di danza costretto a rinunciare alsuo lavoro a causa di alcuni genitori che non lo ritenevano idoneo perché gay. Anche oggi voglio parlarvi di un professore, ma questa volta in maniera diversa. In molti conosceranno la storia di Davide Zotti, l’insegnante dell'Isis Carducci - Dante di Trieste che ha tolto il crocifisso dall’aula in segno di protesta contro l’ennesima dichiarazione omofoba del cardinal Ruini. Come sapete, ho sempre avuto a cuore il tema “scuola e omosessualità” tanto da dedicargli diverso tempo sul blog, sulla mia rubrica radiofonica su Shortbus e nei  libri Io: nella gioia e dolere – Diario di un ragazzo in crescita e Oltre l’evidenza – Racconti di vita… gay perché credo che la scuola non debba diventare il luogo dove i ragazzi subiscano abusi, bullismo o, peggio ancora, insegnamenti falsati da un credo religioso. Credo che le sedi scolastiche debbano restare il centro della cultura e della formazione senza dare spazio all’ignoranza di alcun tipo. Per questo motivo la notizia di questo insegnate mi ha colpito parecchio tanto da voler intervistare Davide e capire le motivazioni del suo gesto e  le reazioni che esso ha avuto fra i suoi studenti e colleghi.

lunedì 3 novembre 2014

Dite la vostra a… prof di religione

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Fonte: Gayburg
Nella scuola capita ancora  che un professore di religione dice ai suoi studenti che dall’omosessualità si può guarire essendo essa una malattia. Io stesso mi sono sentito dire tale parole dalla mia prof del 5 anno di superiori, ma, ieri come oggi,  non sono rimasto silente e ho risposto per le rime. Dal mio episodio personale, ahimé, sono passati 13 anni e purtroppo le cose non sono cambiate e questi individui continuano impuniti  ad affermare idiozie senza curarsi dei danni che possono creare.
Siamo a Torino presso un istituto superiore di Moncalleri e un gruppo di ragazzi si è rivolto al preside dopo aver ascoltato le parole del loro professore di religione che, dando informazioni sbagliate e false, ha sostenuto che l’omosessualità è una malattia. Leggiamo però cosa ha riferito ai suoi studenti:


venerdì 31 ottobre 2014

L'insegnante è gay, non è idoneo! - Intervista a Daniele Baldoni

Rubrica: Francesco Sansone
Grafica: Giovanni Trapani
Se settimana scorsa vi ho parlato del caso di Stefano Bucaioni che, col marito, è statodenunciato per un bacio durante una manifestazione delle Sentinelle in piedi, oggi voglio parlarvi della storia di Daniele Baldoni, un insegnate di danza umbro che è stato costretto a lasciare il lavoro presso l’istituto compressivo Dalmazio Birago di Passignano e Tuoro sul Trasimeno a causa di un gruppo di genitori che ha presentato al preside una lettera in cui si metteva in discussione la sua idoneità. Motivazione? L’omosessualità di Daniele. La notizia ha subito fatto il giro del web e in molti ne hanno parlato tanto che lo stesso protagonista ha voluto precisare alcune cose sul suo profilo personale su Facebook. Qualche giorno fa, l’ho contattato chiedendogli se avesse voglia di rispondere ad alcune mie domande e Daniele ha accettato volentieri. Quella che segue è un’intervista che vi darà modo di capire meglio come sono andati i fatti e, cosa più importante, rendervi conto della forza di questo ragazzo che, pur avendo subito questa meschinità, non si è lasciato abbattere.